Tutto sul mondo dei bambini

Diventare mamma a 45 anni: fertilità, difficoltà e rischi


Mamme a 45 anni: fertilità, difficoltà e rischi

Avere un figlio oltre i 40 anni viene da sempre considerato rischioso sia per la partoriente che per lo sviluppo del feto. Sebbene infatti una gravidanza over 40 sia anche molto rara, condurre i mesi di gestazione può portare anche a problematiche come diabete ed ipertensione

Diventare mamme a 45 anni può essere considerato un traguardo improbabile ma non impossibile. Concepire in età avanzata è infatti visto come qualcosa di molto raro che vede il suo apice iniziale proprio nella fertilità femminile. La fertilità è, in effetti, uno dei fattori che permette di concepire un figlio ed è un elemento determinante che, nella donna, comincia in giovanissima età (dai 14 anni). Durante gli anni, la produttività tende a calare di gran lunga, arrivando poi verso i 50 anni con il subentro della meno pausa. Il calo si verifica circa dopo i 35 anni e ha una flessione dopo i 39 anni, dove va a ridursi del 5% tra i 40 e 42 anni. Questo perché, andando nello specifico, le donne dispongono di un numero limitato di ovociti e follicoli. Inoltre, bisogna tenere conto che a partire dai 42 anni ha inizio quel periodo che viene battezzato come fertipausa. In questo lasso di tempo, nonostante gli ormoni ci siano ancora tutti e nonostante il ciclo sembri sempre regolare, i follicoli sono spesso vuoti o con ovociti totalmente danneggiati.

I rischi durante la gravidanza
Quindi non solo nei 40-45 anni vi sono dunque molte meno possibilità di portare avanti una gravidanza, ma arriviamo anche alla motivazione fulcro della difficoltà di gravidanza in età avanzata. Diventare mamme a 45 anni, infatti, è considerato molto rischioso. Perché per iniziare possono verificarsi dei problemi riguardanti ormoni e valori nel sangue che causano aumento di diabete ed ipertensione soprattutto nelle partorienti over size. Ecco perché la gravidanza oltre i 40 viene seguita sempre più scrupolosamente per controllare lo sviluppo del feto molto attentamente e non danneggiarlo anche dopo il parto.


Ovviamente, spesso, le percentuali di parti cesarei è più elevata, proprio perché il parto naturale, momento ultra delicato in tutte le gravidanze, può essere inoltre difficoltoso sia per il feto, che per la partoriente. Il motivo riguarda l’aborto spontaneo e la possibilità di malformazioni cromosomiche proprio durante il parto. Questi rischi vanno a rappresentare solo alcuni dei problemi e complicazioni che possono verificarsi durante la gestazione.

Ecco perché le neo mamme che sognano una gravidanza, spesso scelgono nuove e ritrovate pratiche scientifiche. Ad esempio quelle di madre surrogata, ovodonazione e fecondazione in vitro. Ad oggi dunque, diventare madri è sempre possibile, ma la gravidanza naturale può accadere ugualmente, anche se in rari casi.

Il Blog di E-Giochiamo è il blog ufficiale del negozio online di vendita giocattoli per bambini e articoli per la scuola e l'ufficio E-Giochiamo.it.

ARGOMENTI ARTICOLO:

Vuoi aggiungere qualche commento?

Lascia un commento